Il giro del mondo di un giorno

“Come paese solidale che sappia aver cura dei soggetti più deboli, garantendoli dal timore della malattia e dell’isolamento, che sappia accogliere chi arriva in Italia per cercare protezione da profugo o lavoro da immigrato e offrendo l’apporto di nuove risorse umane per il nostro sviluppo. Paese, quindi, l’Italia, da far crescere aperto e inclusivo: già un anno fa, avevamo 420 mila minori extracomunitari nati in Italia – è concepibile che, dopo essere cresciuti ed essersi formati qui, restino stranieri in Italia? E’ concepibile che profughi cui è stato riconosciuto l’asilo vengano abbandonati nelle condizioni che un grande giornale internazionale ha giorni fa – amaramente per noi – documentato e denunciato?” (Napolitano)

Torino Porta Palazzo, foto: Photoaid

Oggi per il blog di IT.A.CÀ vogliamo raccontarvi un’iniziativa nata nel 2010 a Torino, Mygrantour, una forma di turismo responsabile a km 0. Mygrantour propone delle passeggiate per riscoprire i quartieri multietnici di varie città italiane accompagnati da mediatori culturali originari di Senegal, Marocco, Perù, Cina, Romania e altri paesi.

Torino Porta Palazzo, foto: Photoaid

L’idea, nata dal tour operator Viaggi Solidali in collaborazione con le ong ACRA e Oxfam Italia, comprende oltre a Torino anche Roma, Milano, Genova e Firenze. In queste città, da Porta Palazzo e San Salvario di Torino al quartiere Esquilino di Roma passando per via Padova di Milano, si è dimostrato come l’intercultura possa essere una grande occasione di turismo responsabile e sostenibile. “L’obiettivo” – spiega Enrico Marletto, presidente della cooperativa Viaggi solidali – “è rendere i migranti, originari di vari Paesi nel mondo ma cittadini italiani, i protagonisti nello sviluppo del turismo responsabile, investendo sulla loro capacità di fare da ponte tra due culture.”

Torino San Salvario, foto: Aldo Pavan

Nel 2010 si è tenuto a Torino il primo corso per accompagnatori culturali organizzato grazie al sostegno del programma IFAD “Agrodiversità, culture e sviluppo locale“, esperienza estesa poi ad altre città, per formare delle guide che introducano a cittadini italiani ed europei di vecchia e nuova generazione la cultura, la gastronomia e le tradizioni delle proprie comunità di origine.

Torino Porta Palazzo, foto: Photoaid

Aspetto importante del tour è la volontà di far conoscere la storia di questi quartieri e delle migrazioni che nel corso degli anni si sono succedute creando veri e propri “melting pot” nelle nostre città. Basti pensare che attorno a Porta Palazzo a Torino si parlano oltre 60 lingue ed è possibile, volendo, fare a piedi il “giro del mondo in un giorno”!

Torino Porta Palazzo, foto: Photoaid

E’ grazie a progetti come questo che si può contribuire a recuperare una cultura della condivisione degli spazi pubblici cercando anche di rispondere alle domande di fine anno di Napolitano.

Redazione Blog IT.A.CÀ
Francesco Marmo 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ASSOCIAZIONE YODA
Via Pietralata 73, 40122 – Bologna (BO)
info@gruppoyoda.orgwww.gruppoyoda.org
C.F. 91161380372 – P. IVA 03267091209

Privacy Policy

Prodotto originale frutto delle menti felici e creative di Happy Minds Agency