Trekking con il treno ospite al Festival IT.A.CA’

Una Scoperta che non finisce mai

Anche per il 2012  il CAI in collaborazione con la Provincia di Bologna ripropongono il Trekking col treno, storica manifestazione giunta alla sua 21esima edizione. Una straordinaria avventura che è cresciuta in questi 20 anni, sorretta da una forte collaborazione tra la Provincia di Bologna e le società di trasporto pubblico e, soprattutto, il Club Alpino Italiano di Bologna. È, infatti, grazie all’impegno, alla passione e alla professionalità dei volontari del CAI che è ancora possibile continuare questo cammino. Un’iniziativa che mette a disposizione di chi vuole conoscere il territorio provinciale in maniera non convenzionale, per scoprire da vicino la ricchezza dei nostri giacimenti naturali e culturali.

Per il 2012 il numero delle escursioni in calendario sale a 56. Da marzo a dicembre, la domenica ma non solo, continua ad accompagnare gli amanti del trekking su e giù per l’Appennino bolognese, con sconfinamenti in terra di Toscana, in Romagna e nel Modenese. Di grande interesse anche l’unica camminata in pianura alla riscoperta della Padusa, l’antica valle alle porte del Parco regionale del Delta del Po.

La filosofia del turismo eco-sostenibile del Trekking col treno – percorrere lunghe escursioni a piedi raggiungendo il punto di partenza coi mezzi pubblici – quest’anno si sposa con quella del turismo responsabile, che da tre anni ispira il Festival IT.A.CA’. Durante i giorni del festival (26 maggio – 3 giugno), oltre a un’escursione in Appennino sulla storica Via Francesca della Sambuca, una speciale camminata porterà gli amanti del trekking “Dalla Luna ad Itaca”, ossia dalle atmosfere lunari dei calanchi del Parco dei Gessi e dei Calanchi dell’Abbadessa fino in Piazza Maggiore, dove si svolge il festival IT.A.CA’ migranti e viaggiatori, per la Domenica 3 giugno. Il connubio tra le due manifestazioni, entrambe sostenute dalla Provincia, è particolarmente felice anche perché il Trekking col treno rappresenta da sempre, per i turisti e per gli stranieri in generale che si trovano a Bologna, un’occasione molto apprezzata di interazione con la popolazione locale, nella direzione di quello scambio consapevole tra culture che è alla base dell’idea stessa di turismo responsabile.

Tutte le info per partecipare le trovate quiBuona passeggiata tra le bellezze naturalistiche della nostra terra!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *