L’arte della moda dall’Estonia a Bologna

La moda è un’arte e l’arte è sempre di moda. L’Italia, con la sua tradizione stilistica ancora oggi celebre in tutto il mondo, lo sa bene; oggi, a Bologna, ne fa mostra l’Estonia.

Nella Foto Anu Hint – docente e stilista di moda

“La moda etnica estone dal passato al futuro” è il titolo dell’esposizione allestita dal 16 Dicembre  2017 al 24 Febbraio 2018 presso il ​Museo del Tessuto e della Tappezzeria “Vittorio Zironi” di Villa Spada​, che è stato riaperto al pubblico circa due mesi prima di questa nuova installazione, realizzata dall’​Istituzione Bologna Musei-Musei Civici d’Arte Antica​, in collaborazione con l’Unione Stilisti Estoni e con il supporto del Ministero della Cultura dell’Estonia e della Fondazione Eesti Kultuurkapital.

La curatrice del progetto è Anu Hint, presidente della stessa Unione Stilisti Estoni, docente e stilista.

Giunta a Bologna come trentesima tappa di un tour iniziato nel 2009 e che ha visitato vari paesi del mondo, la mostra è articolata attraverso l’esposizione di abiti, tessuti e fotografie, che scandiscono tecnica e ​design nella rielaborazione dei costumi tradizionali. Sono parte del percorso anche i disegni ​“I vestiti tradizionali estoni” di Melanie Kaarma (1981) e i campioni del tessuto di gonna in filo di lana e ordito di lino di Marika Samlik (2017).

L’Estonia, nel corso dei secoli, ha sviluppato i propri capi e la propria cultura del ricamo, ricevendo influenze dall’Asia e dalla cultura baltica, come anche dalla vicina Finlandia. L’impatto visivo è sorprendente: un pullulare di colori, trame e fantasie etniche, accanto ad un abito decorato con bottiglie di Coca-Cola. Insomma, si tratta di un modo vivace di vivere le proprie radici, guardando però anche al contesto attuale e all’innovazione.

Ospitando questa mostra, Bologna si riconferma città cosmopolita e aperta, poiché permette ai visitatori di scoprire la storia e la cultura di una terra silenziosa e spesso sconosciuta, attraverso un mezzo inusuale ed inaspettato; inoltre, nell’ambito della valorizzazione dei diritti e della parità di genere, la mostra offre spazio all’inventiva delle quindici giovani donne che presentano gli abiti originali.

Dettaglio interessante è che la mostra si chiude proprio nel giorno in cui viene celebrato il centenario dell’Indipendenza Estone. ​

Hea külastus​!

Blog IT.A.CÀ
Arianna Piazzi 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *