Articoli

Alla scoperta dell’Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Care amiche viaggiatrici e cari amici viaggiatori, 

Oggi ci trasferiamo nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini per intervistare l’Ente gestore dell’area protetta, nelle persone del direttore Carlo Bifulco, del responsabile settore biodiversità Alessandro Rossetti e della responsabile settore promozione ed educazione ambientale Maria Laura Talamè

Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini è nato tra il 1990 e il 1993. Nel 1990, con decreto del Ministro dell’Ambiente, è stata approvata la prima perimetrazione e sono entrate in vigore le prime norme di salvaguardia, tra cui il divieto di caccia. Nel 1993 è stato approvato il perimetro definitivo ed è stato istituito l’Ente di gestione, in attuazione della legge quadro sulle aree protette n. 394 del 1991.

Il Parco si estende per quasi 70.000 ettari tra le Regioni Marche e Umbria e comprende 16 comuni, di cui 14 nelle Marche (nelle province di Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno) e 2 in Umbria (in provincia di Perugia). Il territorio comprende quasi per intero la catena dei monti Sibillini e le aree collinari circostanti, con una escursione altitudinale che va da 360 m slm ai 2476 m slm del M. Vettore, massima elevazione dell’Appennino umbro-marchigiano.

Quali sono le sue caratteristiche e i suoi valori ambientali?  

Il territorio è caratterizzato sicuramente da un’elevata biodiversità: 1.900 specie floristiche (tra cui oltre 50 specie di orchidee), oltre 200 specie di vertebrati (mammiferi, pesci, rettili, anfibi, uccelli nidificanti) e un numero imprecisato di invertebrati (tra cui 831 farfalle). Tra le specie faunistiche più importanti ricordiamo il lupo, il gatto selvatico, l’aquila reale, la coturnice, il gracchio corallino, il fringuello alpino, la vipera dell’Orsini, la salamandrina dagli occhiali, il geotritone italiano e la trota mediterranea; il cervo e il camoscio appenninico sono stati reintrodotti dal Parco ed hanno formato popolazioni consolidate.

Gli invertebrati comprendono specie di interesse comunitario, come il gambero di fiume, la rosalia alpina e la farfalla apollo, nonché endemismi come il chirocefalo del Marchesoni e il chirocefalo della Sibilla, piccoli crostacei che in tutto il mondo vivono solo rispettivamente nel lago di Pilato e nel laghetto di Monte Palazzo Borghese. La flora comprende specie rare ed endemiche, tra cui ricordiamo la stella alpina dell’Appennino, il camedrio alpino, l’adonide curvata, diverse sassifraghe endemiche, la viola d’Eugenia, l’efedra dei Nebrodi e oltre 50 specie di orchidee.

Foto di Alessandro Rossetti

Il paesaggio collinare è un mosaico di piccoli appezzamenti coltivati, boschi e campi a riposo. Le Marcite di Norcia sono uno straordinario esempio di risorgive (fontanili naturali) gestite sin dal Medioevo tramite un sistema di canali e cortinelle (campi irrigati) per la produzione di fieno. Gli ambienti montani comprendono invece vallate impervie e boscose (Ambro, Aso, Tenna, Fiastrone, Rio Sacro, Ussita, Nera), ambienti rupestri e gole (Acquasanta, Infernaccio, Valnerina), morbidi rilievi e vasti altipiani (Prati di Ragnolo e il bacino di Castelluccio). Per la loro importanza naturalistica, alcune praterie montane calcaree sono descritte nella direttiva comunitaria Habitat come “stupenda fioritura di orchidee”. Molto note sono le spettacolari fioriture dei piani di Castelluccio. Gli ambienti subalpini di alta montagna sono invece caratterizzati da ghiaioni, creste, pareti rocciose, spettacolari formazioni di calcare massiccio, praterie primarie e valli di origine glaciale, tra cui la valle del lago di Pilato a quota 1940 m. Tra i principali massicci montuosi: M. Vettore (2476 m), M. Bove (2169 m), M. Sibilla (2173 m), M. Priora (2332 m), M. Bove Nord (2112 m), M. Palazzo Borghese (2145 m), Cima del Redentore (2449 m). 

Grazie a questa ricchezza di biodiversità, il territorio del Parco comprende 5 Zone di Protezione Speciale (ZPS) e 19 Zone Speciali di Conservazione (SIC) istituiti in attuazione della direttiva “Habitat” 92/43/CEE per la costituzione della Rete Ecologica Europea denominata «Natura 2000». Per approfondire 

Quali sono le principali attività svolte dal Parco?  

La legge quadro del 1991 ci ha affidato il compito “di garantire e di promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale del paese”. È importante ricordare che la conservazione, tramite specifiche norme, è garanzia di mantenimento della vera ricchezza su cui deve fondarsi uno sviluppo realmente sostenibile, strategico e duraturo, anche per le future generazioni.

Foto di Carlo Vecchioli

Nonostante una dotazione di mezzi e personale limitati per un territorio vasto e complesso (una pianta organica di 20 persone), il Parco svolge diverse attività, realizzate anche grazie ad esperti e specialisti esterni appositamente incaricati (Società di servizi, Università e altri Enti di ricerca) e alla collaborazione del Reparto Carabinieri del Parco (ex Corpo Forestale) nonché di operatori del territorio. Per garantire la fruizione del Parco ed incentivare uno sviluppo turistico responsabile, il Parco ha adottato due strumenti di pianificazione, tra loro integrati, Il Piano di interpretazione Ambientale e la strategia per il turismo sostenibile, secondo la metodologia della Carta Europea del turismo sostenibile (CETS), di cui più avanti è bene approfondire alcuni aspetti. Sulla base delle indicazioni del Piano di interpretazione ambientale, negli anni è stato realizzato un sistema di fruizione che comprende percorsi escursionistici e per mountain bike, sentieri natura, centri visita e aree faunistiche (Bolognola e Castelsantangelo sul Nera), oltre al Grande Anello dei Sibillini, un percorso di oltre 120 km servito da 7 rifugi che il Parco ha realizzato ristrutturando edifici già esistenti.

Riguardo alla biodiversità, vengono svolte attività di monitoraggio, conservazione e gestione attiva, come ad esempio la reintroduzione faunistica del cervo e del camoscio appenninico, le attività volte al ridurre il conflitto tra lupo e allevamento, il recupero dei pascoli abbandonati o il progetto Life “Trota”, la gestione del cinghiale. Un altro settore molto impegnativo riguarda le attività di valutazione di compatibilità ambientale dei progetti (nulla osta, valutazione di impatto ambientale e valutazione di incidenza), attività che rivestono un ruolo fondamentale per un inserimento nel territorio di strutture e infrastrutture in armonia con il delicato contesto ambientale, nell’ottica della sostenibilità. Per approfondire: http://www.sibillini.net/attivita/index.php

Quali sono stati gli effetti del terremoto sul “sistema” Parco e com’è attualmente la situazione della viabilità?  

Oltre ai drammatici effetti sulla popolazione e sulle strutture, gli eventi sismici hanno prodotto profonde trasformazioni degli ambienti naturali, soprattutto riguardo al sistema idrogeologico, con modificazione delle portate di fiumi e sorgenti e imponenti frane che hanno perfino creato nuovi laghetti. Di conseguenza i percorsi del Parco risultano danneggiati in diversi punti o attraversano aree instabili. Sono state danneggiate le due aree faunistiche, gran parte dei musei e dei centri visita, e risulta inagibile la maggior parte delle strutture del Parco. In particolare, 5 dei 7 rifugi del Grande Anello dei Sibillini e la sede a Visso che ci costringe, da oltre un anno e mezzo, a stare fisicamente lontani dalla nostra comunità (siamo attualmente ospitati a Tolentino). 

Foto di EnricoPrennaStudio

Poco dopo gli eventi sismici, il Parco ha pubblicato sul sito una mappa in cui sono evidenziati e costantemente aggiornati tutti i sentieri e le strade chiuse, nonché le zone rosse dei centri abitati; il sito riporta anche l’elenco di tutte le strutture ricettive funzionanti. Allo stato attuale molte strade sono state riaperte, anche se parzialmente, come la Valnerina e le strade che raggiungono Castelluccio da Arquata del Tronto e Norcia; restano invece ancora chiuse altre strade, tra cui quella da Gualdo a Castelluccio. Riguardo ai sentieri, il Grande Anello dei Sibillini è percorribile quasi interamente, mentre, tra i più importanti, restano chiusi quello di Passo Cattivo e Valle del Tenna, il sentiero delle Svolte per il lago di Pilato, la Val di Bove, la Valle dell’Acquasanta e la Valle del Fiastrone. Va comunque detto che nonostante questi disagi, gran parte del territorio del Parco resta fruibile

Qui per consultare la mappa aggiornata su strade, sentieri e zone rosse. 

Attraverso quali azioni il parco ha affrontato il post sisma e quali azioni sono previste per rilanciare il territorio e incentivare la frequenza dei sentieri?  

Nel dicembre 2016 il Consiglio Direttivo del Parco ha approvato un piano di interventi a breve, medio e lungo termine, individuando le azioni prioritari per il superamento delle criticità dovute al sisma e per la successiva fase di ricostruzione. Una corretta informazione è stata da subito un obiettivo prioritario. Oltre allo strumento già citato della mappa con la rappresentazione delle limitazioni, sono stati riattivati sul territorio i punti di informazione turistica, individuando in collaborazione con i Comuni, idonee strutture alternative, laddove il centri visita – Casa del parco, risultavano inagibili.

Foto di EnricoPrennaStudio

Il ripristino della fruibilità dei sentieri è stato un altro degli interventi individuati come prioritari. Nella primavera del 2017 è stata effettuata una verifica della percorribilità in sicurezza che ha consentito di mantenere aperti circa l’80% dei percorsi. E’ poi stata avviata una collaborazione con l’ISPRA, in corso, per la valutazione delle condizioni di pericolosità geologica lungo la rete dei sentieri, originatesi e/o aggravatesi in conseguenza degli eventi sismici del 2016 e 2017. Ci si è poi attivati per ripristinare la piena fruibilità del Grande Anello dei Sibillini. Soltanto due dei rifugi escursionistici sono attivi ed agibili. Per l’immediata riattivazione della fruibilità sono stati avviati gli interventi di manutenzione del percorso lungo il quale si può comunque usufruire di ricettività alternativa ai rifugi inagibili. Parallelamente è sono state avviate le procedure necessarie per creare una ricettività alternativa mediante piccole strutture rimovibili. 

Sono state avviate anche iniziative sul territorio volte ad incentivare la frequentazione. Ne è esempio il programma Good Morning Sibillini! la cui prima parte si è svolta in autunno, che prevede passeggiate a piedi, in bicicletta o in compagnia degli asini, con sosta del gusto nelle aziende agricole, laboratori e altre attività didattico – ricreative.

Qual è l’opinione del PN Monti Sibillini in merito alla costruzione del centro commerciale Deltaplano sulla piana di Castelluccio?  

Per la realizzazione di tale struttura – da progetto temporanea – sono previste le deroghe delle ordinanze della Protezione Civile ai normali iter autorizzativi e pertanto il progetto non è stato sottoposto al Nulla Osta del Parco.
Il Parco si è potuto quindi esprimere solo con la Valutazione di incidenza ambientale, prevista dalle normative europee e quindi non derogabile, che valuta il possibile impatto limitatamente a specie e habitat di interesse comunitario.

Foto di EnricoPrennaStudio

La struttura prevede gli spazi strettamente necessari alla delocalizzazione delle attività di ristorazione e commerciali già esistenti a Castelluccio e rese inagibili dal sisma. Si tratta di strutture per lo più situate nella zona rossa e la cui ricostruzione richiederà molto tempo.

Il Parco aveva analizzato la situazione e proposto delle alternative, su spazi adiacenti al nucleo abitato, che sarebbero risultate a nostro avviso meno impattanti dal punto di vista paesaggistico e comunque nell’ambito dei terreni dove secondo gli strumenti urbanistici vigenti è prevista l’espansione del nucleo abitato; tuttavia la Protezione Civile non ha ritenuto di adottare le proposte del Parco. La struttura avrà inevitabilmente il suo impatto, come peraltro sta accadendo per strutture emergenziali anche in altri centri abitati del Parco. È un impatto che, tuttavia – in accordo anche con il Ministero dell’Ambiente e con quello dei Beni e delle Attività Culturali – è stato limitato chiedendo e ottenendo la riduzione delle volumetrie inizialmente previste e eliminando dal progetto la realizzazione di nuovi parcheggi. 

Quanto e in che modo vengono coinvolte le comunità locali nei progetti e nelle iniziative sviluppate?  

Come già accennato, il Parco aderisce dal 2001 alla Carta Europea del Turismo sostenibile, promossa da Europarc Federation. Non si tratta di una semplice dichiarazione di intenti, ma dell’applicazione di una specifica metodologia che prevede, da parte del Parco l’impegno a redigere una strategia per lo sviluppo turistico e del relativo piano di azioni che viene attuato nel quinquennio seguente l’ottenimento della certificazione. La strategia ed il Piano di azioni vengono definiti attraverso un processo partecipativo in cui sono chiamati ad intervenire tutti gli attori pubblici e privati a vario titolo coinvolti nel turismo.

La metodologia della CETS prevede anche l’attivazione di un Forum che si confronta costantemente sia nella fase di pianificazione, sia nella fase di attuazione, operando di fatto come sistema turistico. Attraverso i tavoli tematici del Forum si sviluppano poi le singole azioni con il coinvolgimento degli attori interessati, sia pubblici che privati. La partecipazione non è alla base solo delle iniziative che interessano in maniera più diretta il settore turistico, ma un modus operandi che il Parco ha voluto da sempre adottare. Se per il settore turistico possiamo citare la creazione di reti tra operatori per progetti quali il menu della Sibilla, il Club qualità Parco, la Rete dei Centri di educazione ambientale, non vanno certo dimenticati altri gruppi di portatori di interesse come ad esempio gli operatori di selezione faunistica. 

Foto di EnricoPrennaStudio

Che valore può apportare l’organizzazione di una tappa nazionale del festival IT.A.CÀ, il primo e unico festival in Italia che si occupa di turismo responsabile e innovazione turistica, nei Monti Sibillini? Può un festival portare attenzione nazionale su un territorio poco conosciuto e con una storia particolare come la vostra  

I principi su cui si fonda il festival IT.A.CÀ corrispondono interamente a quelli che il Parco ha adottato per favorire uno sviluppo turistico responsabile nell’area protetta.  Ospitare una tappa di questo festival (30 giugno – 1 luglio 2018) rappresenta quindi la possibilità di promuovere congiuntamente l’etica del turismo responsabile, ma soprattutto di far conoscere il Parco e le sue risorse, materiali e immateriali, ad un pubblico più vasto, rispettoso dell’ambiente e di chi ci vive. In questo periodo, reso particolarmente difficile dagli effetti del sisma, significa anche  poter dimostrare che questa terra e la sua gente, seppur feriti hanno mantenuto la voglia di vivere e far vivere questi luoghi, condividendone la bellezza con i visitatori.

Queste interviste sono alcune delle tante voci di C.A.S.A. – Cosa Accade Se Abitiamo, uno spazio attraversato da persone, progetti e realtà a Frontignano di Ussita (MC), una piccola frazione nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini a 1.350 m slm, nel cuore ferito dell’Appennino Centrale. È un porto di montagna, luogo aperto a progetti e conversazioni inclusive per continuare ad abitare un territorio in forte mutamento insieme alle nuove comunità dell’Alto Nera e gli ospiti in residenza che C.A.S.A. accoglierà. Un crocevia di culture, energie, provenienze, esperienze e linguaggi diversi, per un dialogo all’insegna della sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Vi ricordiamo che nell’edizione del Festival di Bologna lunedì 28 maggio alle h19.30 presso il LOFT Kinodromo (via San Rocco,16) ci sarà l’evento “Qual è il futuro che vogliamo per i paesi colpiti dal terremoto? In dialogo per un futuro all’insegna di sostenibilità ambientale e riscoperta della vita di comunità.” a cura di C.A.S.A , Movimento Tellurico, e Cammino nelle Terre Mutate. 

Foto di Chiara Caporicci

Ringraziamo  il direttore del PN Carlo Bifulco, il responsabile settore biodiversità Alessandro Rossetti la responsabile settore promozione ed educazione ambientale Maria Laura Talamè per aver reso possibile questa intervista e il progetto C.A.S.A.

 C.A.S.A. ringrazia il suo prezioso amico Enrico Prenna per le splendide foto, realizzate durante le sue avventure nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, con tanta passione, attenzione e amore per queste terre. Per saperne di più: http://enricoprennastudio.com

Buon viaggio come sempre e state sintonizzati per le news del programma! 

Blog IT.A.CÀ
Silvia Lazzari

Voglia di partire? Ecco le 6 migliori proposte ecosostenibili per queste vacanze

Oggi per il nosto Blog IT.A.CÀ siamo in compagnia di Silvia OmbelliniEcobnb, che oltre a essere dei cari amici sono anche partner di IT.A.CÀ Parma.

Conto alla rovescia per le vacanze di Natale. Siamo alle prese con i regali (e se avete un’amica viaggiatrice, perché regalarle un viaggio?), tra mille impegni e ultimi giorni di scuola. C’è chi sogna qualche giorno di silenzio nella natura, e chi un weekend alla scoperta di un piccolo borgo sconosciuto. Chi cerca un’esperienza indimenticabile con gli amici, e chi una fuga romantica per due.

Non è tanto importante la meta quanto il percorso e il modo in cui ci mettiamo in cammino, come dice sempre il Festival IT.A.CÀ. Una buona idea è sicuramente preferire una proposta rispettosa dell’ambiente, dei luoghi e delle comunità locali.

Foto di Alec Moore via unsplash

E se ancora non avete deciso dove andare, date un’occhiata a queste 6 proposte ecosostenibili in Italia:

1. Qui ammiri i paesaggi della Toscana a Cavallo

Nel cuore della Toscana, a metà strada tra Volterra, San Gimignano e Siena, una romantica strada di campagna fiancheggiata da cipressi secolari vi porta alla Tenuta Orgiaglia. Qui siete circondati da boschi e oltre 100 ettari di agricoltura biologica. Le accoglienti camere con ampio giardino possono ospitare anche i vostri amici a quattro zampe. Da qui potete partire alla scoperta della Riserva Naturale di Berignone, visitare antiche fortificazioni in bicicletta, o scoprire i paesaggi toscani a cavallo. Aria, Champagne, Lady Oscar e Lilli sono i nomi dei cavalli della tenuta, che troverete spesso liberi al pascolo, e che vi accompagneranno in splendide passeggiate nei dintorni.

Info: Tenuta Orgiaglia

1. Tenuta Orgiaglia_Grosseto_Toscana

2. Qui cammini tra le montagne più selvagge della Valle d’Aosta

Non esistono impianti di risalita, né turismo di massa. Nella Valpelline, la valle più selvaggia della Valle d’Aosta, trovi solo silenzio e natura incontaminata. Qui, a pochi chilometri dal paesino di Bionaz, un vecchio chalet di pietra e legno è diventato un accogliente bed & breakfast ecosostenibile. Il ristorante di Alpe Rebelle propone cibi a km zero, formaggi delle aziende agricole vicine, e ottimi vini rossi. Passeggiando sulla neve rimarrete stupiti dalla maestosità delle montagne, ammirando stambecchi, aquile e camosci. Prima di ripartire potrete visitare le piccole aziende agricole biologiche, parlare con gli agricoltori e assaggiare i loro prodotti.

Info: Alpe Rebelle

02_Alpe Rebelle_Valpelline_Valle d'Aosta

3. Qui scopri in bici la natura del Parco del Conero

A pochi chilometri dal mare blu del Conero e dai deliziosi borghi marchigiani, lungo un sentiero immerso nel verde trovi un’allegra casa colonica recuperata secondo i principi della bioedlizia.

Ogni luogo ha un’anima, e secondo Federica, la proprietaria, in questo angolo verde de Le Marche c’è qualcosa di magico. Sarà il grande giardino ricco di preziose erbe spontanee, o la storia delle antiche pietre della casa. Questo è il luogo ideale per una vacanza con i bambini, che hanno tanto spazio e giochi per divertirsi, ma anche per chi ama la bicicletta.

Dopo una ricca prima colazione a base di prodotti biologici e torte casalinghe, potete camminare lungo i sentieri del Conero, o noleggiare gratuitamente le biciclette per visitare Sirolo, Numana, Portonovo o Camerano.

Info: Bed & Breakfast del Campo

3. B&B Campo del Mare_Conero_Marche_2

4. Da qui vedi due mari

Nella parte più stretta della Calabria, là dove il mar Ionio e il Tirreno sono quasi alla stessa distanza, trovi un suggestivo borgo storico, Jacurso, e nel suo centro una casetta ristrutturata in modo ecologico. E’ ideale per una vacanza in famiglia o con gli amici: trovate due camere da letto, un soggiorno con cucina e un grande giardino. Dal paesino di Jacurso potete partire per lunghe passeggiate a piedi, scoprire i laboratori delle antiche tradizioni e assaggiare l’ottimo gelato artigianale locale. Da non perdere: il trekking sul Monte Contessa (810 m slm) da dove ammirare contamporaneamente il Mar Ionio e il Mar Tirreno, ma anche le terme di acqua sulfurea a Carone, e a dicembre il Presepe Vivente di Lamezia Terme.

Info: Jacurso da Vivere e Imparare

4. Jacurso da Vivere e Imparare_Calabria

5. Qui visiti antichi Castelli e Barboj

L’Emilia Romagna è uno dei luoghi dove si mangia meglio al mondo, secondo Forbes. Qui, tra le colline a sud di Parma, in un’antica corte dove dal 1600 si produceva il latte per il parmigiano reggiano, puoi dormire in un accogliente bed & breakfast ecosostenibile circondato da colline coltivate e boschi. Gli ospiti possono scoprire come si produce il famoso formaggio di Parma, visitare il magnifico Castello di Torrechiara, fare una sosta tra i capolavori artistici della Villa Magnani Rocca, o camminare alla scoperta del parco del Barboj, ammirando i particolari vulcanelli di fango che fuoriescono dal terreno. La colazione è il momento più bello della giornata, quello in cui sedersi nella luminosa veranda del bed & breakfast Cancabaia e gustare le marmellate nostrane di frutta biologica, le torte fatte in casa, il pane fresco, il latte appena munto, i salumi tipici della zona e il formaggio Parmigiano Reggiano, ovviamente.

Info: B&B Cancabaia

5. B&B Cancabaia_ Parma_Emilia Romagna

6. Qui provi lo yoga in amaca e le terme naturali

Terminiamo il nostro viaggio sul Monte Amiata la montagna incantata, secondo Ernesto Balducci. Un antico vulcano che conserva memorie millenarie, al confine tra la Maremma, la Val d’Orcia e la Val Chiana. Qui un borgo si erge allegro sugli antichi strati di lava. Siamo a Castel di Piano, a 630 metri sul livello del mare in provincia di Grosseto. Nel cuore del borgo rinascimentale, in un palazzetto del cinquecento, potete soggiornare in un appartamento arredato con materiali naturali, reso unico da una zona benessere privata per due persone con vasca di acqua calda, zona massaggi e area per lo yoga. Le amache appese ai vecchi travi vi permettono di provare lo yoga in amaca, una disciplina davvero benefica, che nasce dall’ispirazione del famoso ginnasta e ballerino americano Christopher Harrison. La location è assolutamente romantica. Da qui potete partire alla scoperta di paesaggi collinari, sorgenti termali naturali, come quelle di Saturnia, e incantevoli paesini medievali.

Info: Grosseto Monte Amiata

6. PiazzaColonna4_Amiata_Grosseto_Toscana
Quale è la vostra meta green preferita per un Natale ecosostenibile?
Buone vacanze in anticipo 😉

Blog IT.A.CÀ
Silvia Ombellini
www.blog.viaggiverdi.org

Silvia