Caricamento Eventi

« Tutti gli eventi

Proiezione Documentario “Vado Verso Dove Vengo”

26 Luglio alle 21:30

Vado Verso Dove Vengo è un film documentario di Luigi Vitelli e del regista Nicola Ragone, con la consulenza scientifica dello scrittore antropologo Vito Teti, che ha l’obiettivo di indagare e comporre brani di storie personali di lucani emigrati all’estero (sia di vecchia che di nuova emigrazione) per metterli in relazione con le storie di chi resta in Basilicata, far riconoscere le due comunità in una pratica di costruzione corale di nuovi significati dei propri luoghi di origine. Un laboratorio sperimentale di narrazione partecipata per raccontare i paesaggi fragili, il fenomeno dell’abbandono e quello del ritorno, il senso delle partenze e quello delle “restanze”.

Trame da cui bisogna ripartire per riabitare l’Italia e ricucire un nuovo legame tra piccoli paesi e grandi città, tra centro e periferia, tra comunità locali e flussi globali. Il documentario è stato realizzato in co-produzione con MATERA 2019, Capitale Europea della Cultura e co-finanziato dalla Lucana Film Commission.

Sinossi:

Da New York ad Aliano, da Londra a Castelmezzano, storie di vita e voci di esperti narrano il senso del partire e il senso del restare, gli abbandoni e i ritorni nei piccolo paesi delI’Italia dei margini, dove emi-grazione e spopolamento sono grandi emergenze da risolvere. Vado Verso Dove Vengo è un crocevia di testimonianze di un universo esploso in mille schegge, di ombre e di doppi da ricongiungere per trovare un nuovo destino ai luoghi che rischiano di scomparire, di non avere più nulla da raccontare e nessuno, peraltro, a raccontarli. Trame da cui bisogna ripartire per riabitare l’Italia e ricucire un nuovo legame tra piccoli paesi e grandi città, tra centro e periferia, tra comunità e flussi globali.

Trailer:


Project Leader: Associazione Youth Europe Service
In co-produzione con: MATERA 2019 Capitale Europea della Cultura
co-finanziato da: Lucana Film Commission
Regia: Nicola Ragone
Autori: Luigi Vitelli, Nicola Ragone con la consulenza scientifica dello scrittore antropologo Vito Teti