Nelle Ossa | Il viaggio nei margini dall’Irpinia attraverso il Meridione

Se è lo scheletro a tenerci eretti come esseri umani, allora è vero che sono i paesi a fare il Paese. Banalmente perché sono le persone a fare i luoghi e noi lo abbiamo visto. Presto lo vedrete anche voi.” 

Iniziamo questo racconto con le parole di Maria Fioretti, giornalista per Orticalab S.r.l., la società editrice del quotidiano on line Orticalab.it: la testata online nata ad Avellino, in Irpinia, nel gennaio 2012 che racconta paesi, paesaggi, persone, aree al margine e visioni.

Il viaggio

Durante la pandemia Covid-19, un gruppo di giornalisti ha lasciato le proprie scrivanie per salire su un minivan nero e attraversare l’Appennino meridionale on the road: scavallare le montagne, percorrere strade provinciali, attraversare sentieri a piedi, incrociare con lo sguardo pale eoliche come croci e distese di pannelli solari nei campi, fermarsi a conoscere persone e progetti, solo per provare a raccontare quello spazio che sta a Sud dell’Appennino.

E quindi sì, oltre che un docufilm, “Nelle Ossa” è un viaggio. Il viaggio di un anno effettuato nel 2021 che ha coperto oltre 1000 chilometri. Un viaggio che parte e ritorna in quella parte interna/interiore che è l’Irpinia, dove il progetto è nato, snodandosi lungo l’Appennino meridionale, attraversando gli Abruzzi fino alla Sila e alla Daunia, passando per la Basilicata e il Molise. 

Anziani a Vaccarizzo in Calabria

Anziani a Vaccarizzo, Calabria

Il viaggio ha fatto una tappa al mese per conoscere le persone e i progetti con cui ci si era confrontati a lungo in digitale, senza toccarsi. Nel delicato momento della pandemia e le riflessioni che ha suscitato, ci si è chiesti: Come sono le aree interne delle contemporaneità? Sono luoghi fatti di persone, che non significano più soltanto resistenza – o peggio, resilienza – ma rinascita, sperimentazione, nuove soluzioni economiche e sociali, modelli da ripensare. 

Per questo c’era bisogno stavolta di preparare lo zaino e partire, farsi lasciare senza parole e condividere quel Mezzogiorno attraverso immagini e sguardi. Nelle Ossa è un viaggio che entra nelle geografie dell’abbandono, in cui il documentario dà un volto alle comunità che difendono diritti e servizi faticosamente conquistati nel tempo, lontani dalla retorica dei borghi, tanto quanto da quella della desolazione.

UNA PRODUZIONE INDIPENDENTE

Il progetto è il risultato di una produzione indipendente, nata da un’idea di Maria Fioretti e Marco Staglianò – giornalista e direttore di Orticalab.it – che ha coinvolto tutti i colleghi della testata. Regia e montaggio sono di Luigi Cuomo con l’amichevole partecipazione di Vinicio Capossela e le musiche originali di Alessandro Francese, che ha composto la colonna sonora di questa peregrinazione attraverso territori apparentemente lontani che sono, però, accomunati dalle stesse fragilità e dai medesimi punti di forza. 

Vinicio Capossela

Il progetto arriva a IT.A.CÀ

Leggiamo nel racconto di Orticalab “Nelle Ossa, il senso del nostro documentario è nell’incontro: comincia un nuovo viaggio di visione in visione”.  Come IT.A.CA’ ci siamo riconosciuti ed innamorati subito di questo racconto, di questo viaggio e del modo di condividerlo per unire le terre dell’osso e gli Appennini.

Siamo ancora più felici di ospitare gli amici di Orticalab e Nelle Ossa in una delle nostre tappe, proprio una Appenninica: quella del Parco Sasso Simone e Simoncello (che si svolgerà dal 9 all’11 settembre, qui il programma!). Perché è vero che siamo più a nord e di differenze ce ne sono tante (ma forse sono di più le cose che ci accomunano, vogliamo scoprirlo!). È anche vero che tra qui e l’Irpinia ci separano (o forse meglio dire “uniscono”) 500 chilometri e 8 ore di viaggio tra salite e discese appenniniche. Però di una cosa siamo certi: la bellezza dell’Appennino è proprio nell’incontro tra diversità e similitudini da cui possiamo crescere. 

Condividiamo il bisogno di conoscerci, confrontarci, farci rete e casa lungo la dorsale, da Sud a Nord. Ma per unirsi nella progettualità bisogna prima conoscersi ed il confronto attraverso l’immersione visiva è uno dei nostri modi preferiti per incontrare l’altro. 

PROIEZIONE DEL DOCUFILM

E come in una lunga transumanza appenninica, aspettiamo di vedere il docufilm insieme a quelli che ne sono stati i protagonisti come culmine della giornata a Pennabilli (RN) dedicata ad “Habitat Appennino”, il 10 settembre 2022. Dopo una giornata di dibattito tra le realtà che stanno inventando un nuovo modo di abitare lungo la dorsale dell’Appennino, ci immergeremo in questo viaggio, guidati da Maria Fioretti (giornalista), Marco Staglianò (direttore di Orticalab) e Luigi Cuomo (regista). Sarà quindi anche l’’occasione per incontrarsi e confrontarsi con loro.

E noi non vediamo l’ora. Intanto vi lasciamo un assaggio con il trailer del documentario: https://www.youtube.com/watch?v=dO85jCw8v3E

Locandina Nelle Ossa

E poi vi aspettiamo per partire insieme in un nuovo immaginario possibile!

“Deve esserci qualcosa di impensato

a tenerli così mutevolmente vivi, 

il talento di qualche dio locale

delegato a rianimarli”

– Carmine Valentino Mosesso, La terza geografia

Blog IT.A.CÀ
Annalisa Spalazzi
Tappa Sasso Simone e Simoncello

Annalisa Spalazzi

Annalisa Spalazzi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


YODA APS
Via della Salita 31, 40138 – Bologna (BO)
info@gruppoyoda.orgwww.gruppoyoda.org
C.F. 91161380372 – P. IVA 03267091209

Privacy Policy

Cookie Policy

Prodotto originale frutto delle menti felici e creative di Happy Minds Agency