Tra identità cittadine, appenniniche e storie di pianura: IT.A.CÀ Bologna 2021

Il 2021 è giunto alla fine ed è tempo di fare un bilancio, di tracciare una linea tra l’anno che si è concluso e quello che sta arrivando. Ci sarebbe piaciuto tracciare un confine più alto e netto tra questi due anni di pandemia e una nuova epoca. Un periodo difficile che ha portato con sé contrasti, conflitti, emergenze e anche riflessioni, voglia di ripensare al nostro modo di stare al mondo, meditare sul nostro diritto di respirare, su ciò che è fondamentale per vivere bene e ciò che non lo è.

Noi vogliamo continuare a tracciare il nostro percorso per portare un cambiamento. Come dichiarato nel ricco programma della tappa bolognese, il festival è per noi: «Ecosistemi in equilibrio, tra città e natura, tra identità appenniniche e storie di pianura; diritto di ridefinire il nostro habitat, la sua fisionomia, i tempi della vita quotidiana. Socialità, collettività, comunità (…) tra restanza e resistenza…».

Tappa bologna Alto reno 24 – 25 luglio 2021

Tappa Bologna presso Alto Reno – Itinerario accessibile: Respiro vie d’acqua – 24/25 luglio 2021

A marzo, quando tutti gli incontri si tenevano ancora online, la frase “È un periodo difficile” era costantemente ripetuta. Quando sono iniziati i sopralluoghi in città e in Appennino, c’era con noi il timore non espresso di organizzare un festival che non si sarebbe realizzato. 

Tra le mille difficoltà della distanza, abbiamo co-progettato virtualmente la rassegna (grazie tecnologia!) e poi, con le prime aperture, abbiamo corso, accelerando il passo al massimo per fare tutti i sopralluoghi e mettere a punto le iniziative.

E i primi eventi hanno finalmente dato inizio a un periodo frenetico che ci ha condotto nei quartieri di Bologna attraverso i suoi Paesaggi urbani fino alle sue colline e alle sue montagne. Da maggio a fine luglio e nella prima metà di settembre siamo andati in bici e abbiamo camminato con tantissimi compagni di viaggio: al centro sempre la comunità, anzi le comunità che conservano e rigenerano i significati dei luoghi.

Abbiamo cercato di dare forma ai diversi significati che Bologna porta con sé, di recuperarne alcuni dimenticati o poco considerati e di ridefinire i suoi confini, rivolgendo lo sguardo verso aree della Città metropolitana che non si trovano nelle guide turistiche. 

Abbiamo sperimentato una grande varietà di forme di arte, anche nei luoghi più impensati; in particolare, il teatro si è insinuato tra i palazzi della periferia, intrecciandosi con i nostri percorsi popolati da attori, attrici e musicisti. 

Grazie a Magnifico Teatrino Errante, Collettivo Hospites, Legàmi, Deinòs Teatri, Collettivo MetroZero!

E un ringraziamento speciale a Mara Redeghieri e ai suoi musicisti che ci hanno letteralmente donato la loro preziosa arte!

Itinerario Paesaggi Urbani – Vol 2 | Quartiere Porto – Saragozza e Pilastro – Zona Roveri

Grazie al contributo dell’Otto per mille della Chiesa Valdese, alla Città metropolitana di Bologna e a Remoove abbiamo realizzato eventi accessibili e inclusivi, superando la logica dell’evento dedicato.

Anche le mostre fotografiche più importanti, organizzate da  TerzoTropico, sono state rese accessibili: attraverso un lavoro sperimentale abbiamo progettato un’esperienza estetica multisensoriale (tattilità, tridimensionalità, acustica) e narrativa (testuale), grazie al lavoro di Fabio Fornasari, Lucilla Boschi, Paolo Ferrario e due allieve del Corso di alta Formazione in Linguaggi per l’accessibilità e l’inclusione dell’Università di Bologna.

Sempre all’insegna dell’accessibilità abbiamo concluso questo 2021 regalando ai partner dell’Appennino le mappe tattili che Girobussola ha realizzato per gli itinerari: 

Itinerario Il volo dell’Ape 1 | Quartiere Porto – Saragozza

E mentre molti vorrebbero chiudere, azzerare il passato con l’arrivo dell’anno nuovo, noi vogliamo continuare il nostro cammino, allargare la nostra famiglia, e fare tesoro di ciò che abbiamo realizzato. 

Un ringraziamento speciale a WeWorld–GVC che, con il supporto del progetto ARPA – Acque Reflue per l’Agricoltura”, finanziato da Regione Emilia Romagna, ci ha dato la possibilità di trattare il tema delle risorse idriche e dello sviluppo sostenibile in agricoltura.

a Davide Valacchi, Kristine Ester Juárez, Samanta Costa e Maria Chiara Cantelmo, che hanno lavorato con noi con grande impegno e professionalità; a* volontar* che ci hanno creduto, sono stat* bravissim* e con cui ci siamo davvero divertit* e, ovviamente, a tutta la rete di IT.A.CÀ Bologna coordinata da Associazione YODA e NEXUS Emilia Romagna con il patrocinio di AITR – Associazione Italia Turismo Responsabile:

Università degli studi di Bologna, Baumhaus cooperativa sociale, CIDAS Cooperativa Sociale, Agenzia Locale di Sviluppo Pilastro Distretto Nord Est, Il blog del Pilastro, Casa di quartiere Pilastro, Fondazione per lo Sport Silvia Parente, Tempo e Diaframma, TerzoTropico, Centro Sociale Culturale Villa Paradiso, Fabio Fornasari, Lucilla Boschi, Istituzione Villa Smeraldi – Museo della Civiltà contadina, Bangherang, Pro Loco Marzabotto, CAI Medio Reno, Az. Agr. La casetta, Agriturismo Il Cerro, Az. Agr. Al di là del fiume terra–Al di là del fiume cielo, Biblioteca di Marzabotto, A casa dalla Ross, La Girobussola, Antonella Iasso, CDH-Cooperativa Accaparlante, Istituto dei Ciechi F. Cavazza, La Casa dei Racconti, Alessandro Brighetti, Collettivo MetROzero, Samà aps, Associazione Culturale Jaya, Arch. Luana Gugliotta, Salvaiciclisti, Bologna, Velostazione Dynamo, Bologna da Vivere, Progetto Felicemente, Centro Sociale 2 agosto, Zeid Nabulsi, Daniele Alberoni, Apicoltori Felsinei, Guy Lydster, Centro Risorse LGBTI, Cassero LGBTI Center, Kilowatt, Cooperativa Foiatonda, Il Comitato dei Borghi, Villaggio della Salute Più, Appennino Slow, Cooperativa sociale La Carovana, Il Forno di Calzolari, Triton’s Park, Museo della Civiltà contadina e Piccolo Museo dell’Emigrante di Monghidoro, Placida Staro, E bene venga maggio, Fragola e tempesta, Madreselva, La Piccola Carovana, Copaps, MUVet, Ex Aequo Bottega del Mondo e tanti altri…

Non resta che augurarvi buon viaggio e seguiteci per scoprire le novità del 2022!

Blog IT.A.CÀ
Coordinamento Bologna 
Simona Zedda

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


YODA APS
Via della Salita 31, 40138 – Bologna (BO)
info@gruppoyoda.orgwww.gruppoyoda.org
C.F. 91161380372 – P. IVA 03267091209

Privacy Policy

Prodotto originale frutto delle menti felici e creative di Happy Minds Agency