Campagna europea “Salviamo Api e Agricoltori”

Oggi nel nostro blog vogliamo portare l’attenzione sulla campagna europea “Salviamo Api e Agricoltori” per ripensare a un modello agricolo diverso da quello attuale, più attento alla biodiversità dei terreni e alla riduzione dell’uso di agrofarmaci tossici.

Quindi, abbiamo deciso, come rete nazionale, di supportare la campagna lanciata dall’alleanza per l’iniziativa dei Cittadini Europei Salviamo Api e Agricoltori” che è composta da una rete di oltre 140 ONG ambientali, organizzazioni di agricoltori e apicoltori, sindacati, fondazioni di beneficenza e istituzioni scientifiche distribuite in tutta l’Unione europea, che lavorano insieme per conciliare agricoltura, salute e biodiversità, perché la protezione delle persone, delle api e degli agricoltori vanno di pari passo.

[Foto in copertina – © Myriam Zilles, Pixabay]

SERVONO UN MILIONE DI FIRME PER SALVARE LE API E GLI AGRICOLTORI: www.savebeesandfarmers.eu

L’agricoltura europea sta giungendo a un punto morto. Politiche agricole unilateralmente orientate verso l’aumento delle rese tramite l’aumento dell’uso di agrofarmaci tossici hanno portato l’ecosistema sull’orlo del collasso. Gradualmente, la diversità biologica che è alla base dei nostri sistemi alimentari sta scomparendo, mettendo a dura prova il futuro del nostro cibo, dei nostri mezzi di sussistenza, della salute e dell’ambiente.

Le conseguenze per la natura sono disastrose: api, farfalle e altri insetti stanno scomparendo dai nostri paesaggi, e diversi tipi di uccelli, un tempo comunemente presenti nelle campagne europee, hanno smesso di cantare nei nostri campi. Anche i nostri torrenti e fiumi sono inquinati dai residui di pesticidi, e noi stessi, in quanto consumatori, siamo esposti quotidianamente a un cocktail di pesticidi sintetici attraverso il cibo che mangiamo.

Inoltre, la sopravvivenza stessa delle comunità agricole in Europa è ugualmente minacciata dall’agricoltura industriale. Negli ultimi dieci anni, in media, un’azienda agricola ha dovuto rinunciare all’attività circa ogni 3 minuti! Fedele al motto “Crescere o morire”, sempre più terra viene gestita da un manipolo di aziende, concentrandosi sulla resa e sulle vendite piuttosto che sulla qualità dei prodotti.

Al contrario, le piccole aziende agricole stanno lottando per la sopravvivenza. Con la loro scomparsa, le zone rurali europee perdono posti di lavoro e il loro patrimonio culturale.

MA UN MODELLO AGRICOLO DIVERSO È POSSIBILE?

La soluzione è un’agricoltura in grado di prosperare senza dipendere da sostanze chimiche tossiche: un’agricoltura che, affidandosi a metodi agricoli rispettosi della biodiversità e del clima, garantirà un’alimentazione adeguata delle persone non solo oggi ma anche in futuro; un’agricoltura che preserva la preziosa diversità degli ambienti naturali, nonché delle tradizioni culinarie e rurali in Europa.

La nostra iniziativa dei cittadini europei richiede una politica agricola che salvi le api e gli agricoltori. Se raccogliamo almeno un milione di firme, la Commissione europea e il Parlamento europeo saranno obbligati a rispondere alle nostre richieste. Vi preghiamo di aiutarci a raggiungere questo obiettivo: ogni firma è importante.

PERCHÉ QUESTA INIZIATIVA?

L’umanità è in procinto di affrontare la più grande sfida della sua storia. A causa del ritmo allarmante a cui sta cambiando il clima mondiale e della perdita di biodiversità senza precedenti che stiamo affrontando, sono in gioco sia l’approvvigionamento alimentare mondiale che la sopravvivenza della nostra stessa specie. Questa inquietante conclusione è stata recentemente raggiunta in modo indipendente dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO, febbraio 2019), dal World Biodiversity Council (IPBES, maggio 2019) e dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC, agosto 2019). Gli scienziati non hanno lasciato dubbi sul fatto che le cause principali di questa crisi globale sono opera dell’uomo e che la loro soluzione richiede cambiamenti rapidi, di vasta portata e senza precedenti in tutti gli aspetti della società. Questi includono un cambiamento radicale nella produzione globale di energia verso fonti di energia rinnovabile, e una trasformazione fondamentale dell’uso del territorio, specialmente nel modo in cui produciamo il nostro cibo.

 In considerazione di questa urgenza, l’Iniziativa dei cittadini europei “Salviamo Api e Agricoltori” vuole diventare un catalizzatore per la trasformazione dell’agricoltura, verso un modello che si basa su principi agro-ecologici e che quindi promuove la biodiversità. Tale modello agricolo preserva le risorse naturali, previene il degrado del suolo, e ne aumenta la fertilità, contribuendo quindi alla protezione del clima assorbendo più gas serra dall’atmosfera di quanti ne rilascia. Un modello agricolo di questo tipo è l’unica risposta possibile alle crescenti sfide poste dalla perdita della biodiversità e dai cambiamenti climatici, ed è quindi anche il più adatto a garantire l’approvvigionamento alimentare mondiale per le generazioni future.     
                                                         
L’eliminazione graduale dei pesticidi sintetici è quindi il prerequisito di base e la leva più potente perché possa avvenire la transizione dall’attuale modello agricolo ad alta intensità di input agrochimici a un modello di incremento della biodiversità basato sui cicli naturali. L’eliminazione graduale dei pesticidi in 15 anni rappresenta una sfida ambiziosa. La transizione del nostro modello agricolo verso l’agroecologia rappresenta una sfida per tutte le parti interessate, in particolare gli agricoltori, ma con una forte volontà politica, essa è a portata di mano. Infatti, il “lusso” di poter mettere in pratica cambiamenti con calma è stato perso da molto tempo.

Nel 2008, l’International Assessment of Agricultural Knowledge, Science and Technology for Development (IAASTD), avviato dalla Banca Mondiale, ha avvertito con urgenza – in vista delle allarmanti previsioni sullo stato globale del clima e della biodiversità – che “il business as usual non è più un’opzione valida”, ovvero che non possiamo più andare avanti come se nulla fosse. Tra le raccomandazioni degli scienziati c’erano il passaggio a metodi di coltivazione a basso input esterno, la promozione e l’ulteriore sviluppo di metodi agro-ecologici, la sostituzione biologica degli input agrochimici e gli investimenti nella coltivazione di piante per una migliore resistenza alle temperature e ai parassiti.  
                                                                 
Purtroppo, queste raccomandazioni sono rimaste in gran parte inascoltate. “Business as usual”, ovvero continuare a fare affari come al solito è rimasta la principale politica agricola globale, mentre la finestra di opportunità per mettere in atto misure per prevenire un ulteriore collasso ecologico è diventata sempre più piccola. Oggi, dobbiamo riconoscere che la nostra generazione è l’ultima ad avere il potere di intraprendere azioni efficaci per fermare l’estinzione delle specie e il cambiamento climatico. Se riusciremo a farlo o meno determinerà se il pianeta che ha permesso lo sviluppo della nostra civiltà potrà offrire le stesse condizioni di vita alle generazioni future. E’ nostra responsabilità garantirlo. Con l’iniziativa dei cittadini europei “Salviamo Api e Agricoltori” vogliamo contribuire a risolvere la crisi attuale.

LE RICHIESTE CHIAVE 

1) Eliminazione graduale dei pesticidi sintetici Eliminare gradualmente i pesticidi sintetici nell’agricoltura dell’UE entro il 2030, iniziando da quelli più pericolosi, per diventare privi al 100% di pesticidi entro il 2035. 

2) Ripristino della biodiversità Ripristinare gli ecosistemi naturali nelle aree agricole e trasformare i mezzi di produzione in modo che l’agricoltura contribuisca nuovamente alla promozione della biodiversità. 

3) Sostegno agli agricoltori nella transizione.

4) Riformare l’agricoltura dando priorità ad un’agricoltura su piccola scala, diversificata e sostenibile, sostenendo un rapido aumento delle pratiche agroecologiche e biologiche e consentendo la formazione e la ricerca indipendente degli agricoltori in materia di agricoltura senza pesticidi e OGM.

In altri paesi europei l’obiettivo della raccolta firme è già stato raggiunto, l’Italia è rimasta indietro.

Ecco perché ogni firma può fare la differenza.

Per firmare > www.savebeesandfarmers.eu

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ASSOCIAZIONE YODA
Via Pietralata 73, 40122 – Bologna (BO)
info@gruppoyoda.orgwww.gruppoyoda.org
C.F. 91161380372 – P. IVA 03267091209

Privacy Policy

Prodotto originale frutto delle menti felici e creative di Happy Minds Agency