Appunti di una XI edizione “Restante” e partecipata del festival IT.A.CÀ 2019

Care amiche e cari amici 

con grande entusiasmo annunciamo la conclusione dell’undicesima edizione di IT.A.CÀ il primo e unico festival in Italia dedicato al turismo responsabile; premiato nel 2018 dall’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite per l’eccellenza e l’innovazione nel turismo (UNWTO AWARDS).  

Tappa Parco Nazionale Monti Sibillini 2019

Un anno questo 2019 veramente emozionante di appuntamenti partecipati e apprezzati, che hanno colorato di idee e riflessioni quello che sembra essere ormai un nuovo punto di vista sul turismo e che il Festival ogni anno, accoglie e raccoglie lungo il suo percorso. Iniziamo con un po’ di numeri del 2019:

  • 7 mesi di cammini ed eventi (aprile – novembre)
  • 16 tappe tra città e territori 
  • 9 regioni italiane coinvolte
  • 16 coordinamenti territoriali coinvolti 
  • 2 coordinatori per tappa 
  • 1 sponsor nazionale
  • + di 700 realtà nazionali [istituzioni, fondazioni, associazioni, Ong, operatori, strutture ricettive, agenzie viaggi, scuole, università]
  • + di 100 partner tecnici
  • 7 main media partner 
  • + 25 media partner 
  • + di 500 eventi organizzati
  • + di 50.000 visitatori
  • + di 100 itinerari percorsi a piedi e a pedali 
  • 18 cammini di pulizia nelle varie tappe 
  • + di 2000 sacchi utilizzati per la raccolta
  • + di 900 kg di rifiuti messi insieme
  • 250 pagine di rassegna stampa nazionale 

In questa edizione abbiamo apportato due grandi novità: il tema condiviso della “Restanza” e l’attenzione alla cura e pulizia dei territori toccati dal passaggio del Festival grazie alla collaborazione con il nostro partner nazionale OWAY [azienda agro-cosmetica internazionale attenta alle coltivazioni bio-dinamiche, biologiche ed equo-solidali] che ha supportato IT.A.CÀ in tutta Italia e organizzato (procurando sacchi, guanti e pinze), fra i tanti eventi proposti dalle tappe nazionali, anche significative iniziative compartecipate con il coinvolgimento di volontari, turisti e cittadini, impegnati nel ripulire da residui di plastica e rifiuti, i luoghi che appartengono a tutti. 

Tappa Bologna 2019 – Cammino Pulizia OWAY

Il nostro viaggio è partito dalla Restanza: un nome singolare femminile, l’idea di esserci, di resistere, l’atteggiamento propositivo di chi decide di rimanere nel proprio territorio per valorizzarlo e sfruttarne al meglio le risorse, ovvero “un atto di rigenerazione e condivisione dei luoghi, per fare con i rimasti, con chi torna, con chi arriva, piccole utopie quotidiane di cambiamento” ci ha spiegato l’antropologo Vito Teti, coniatore del termine e ospite graditissimo in più tappe del Festival.

Tappa IT.A.CÀ Gran Sasso 

Un tema di profonda attualità quindi, che IT.A.CÀ ha ampiamente sviscerato in molti territori nazionali e un impegno che ci siamo assunti per questa edizione, debuttata – non a caso – il 25 Aprile nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Dopo i terremoti del 2016 e del 2017, questa zona non solo è un simbolo di restanza, ma anche di resistenza, come capacità di rimanere saldi e di ricostruirsi senza alienare la propria identità. Riscoperta di memorie e tradizioni perdute per strada, con comunità che cercano di prendersi cura l’una dell’altra, appellandosi ad una responsabilità comune di accoglienza, tutela del patrimonio naturalistico e rivendicazione di servizi negati o perduti. 

Foto di Gruppo Tappa Parco Nazionale Monti Sibillini

A Maggio, IT.A.CÀ si è spostato a Bologna, culla natale del Festival che anche in questa edizione si riconferma polo centrale e snodo nevralgico di scambio e riflessione sulla filosofia che la manifestazione persegue con tenacia da tempo. È qui che abbiamo visto nascere il Festival ben 11 anni fa e lungo le varie edizioni, riuscire a delineare un vero e proprio format – oggi adottato in ben 16 territori – che mette in rete tanti attori sociali locali, impegnati nella valorizzazione dei luoghi in chiave sostenibile. Con uno sguardo approfondito nell’Appennino bolognese tra Marzabotto, Castiglione dei Pepoli, Grizzana Morandi e la Val di Zena.  

Tappa Bologna – Val di Zena (Appennino bolognese)

Da giugno, la nostra estate con IT.A.CÀ è stata all’insegna del sole e del mare nei territori di Rimini, Calabria di Mezzo, Salento e dell’aria salubre a fine luglio, sulle vette del Gran Sasso. Con zaino in spalla e scarpe comode, abbiamo attraversato alcuni borghi e valli indimenticabili  tra sentieri escursionistici, testimonianze di attivismo ambientale, laboratori di riciclo creativo dei rifiuti e valorizzazione delle produzioni artigianali d’altri tempi: ceramica, olio biologico d’eccellenza e artigiani della seta.

Tappa Salento

Giù lungo le riserve naturali, la riviera e i borghi degli angeli, vivo è stato il sentire queste terre resistere e lavorare in co-progettazione per la valorizzazione sinergica del patrimonio culturale, archeologico e naturalistico e per lo sviluppo di un turismo integrato, sostenibile e vantaggioso per le comunità locali del nostro paese. 

A settembre, quando il turismo di massa rientrava in città, il Festival ha fatto scalo nelle tappe di Gorizia e Trieste, Brescia, Ravenna, Trentino e Reggio Emilia, riscontrando una grande affluenza e tanti partecipanti in arrivo anche da lontano – ci dicono i coordinatori degli eventi – a fronte di una spesa organizzativa molto bassa ed di un impatto ambientale pari a zero, segno importante che viaggiare si può: basta avere la testa, più che la tasca. 

Tappa Pavia e Oltrepò Pavese

Volutamente collocata in un periodo non di alta stagione, la tappa del Trentino ha lanciato il messaggio che anche le stagioni di mezzo possono offrire interessanti spunti e possibilità di turismo rispettoso dell’ambiente. Del resto discutere di destagionalizzare i flussi turistici non può bastare. 

Con l’arrivo di ottobre e novembre, eravamo ancora in pieno viaggio. Parma, Pavia e Oltrepò, Monferrato, Napoli e Levante Ligure hanno fatto da cornice ad una conclusione del Festival su temi importanti come le disuguaglianze sociali, il rispetto per l’ambiente, il problema delle barriere architettoniche, la multiculturalità e le tradizioni da preservare. 

Tappa Napoli 2019

La natura toglie, la natura dà”, ripetiamo spesso quando parliamo di emergenze ambientali ed è focalizzandoci proprio su un’idea di rispetto e di cura di ciò che ci circonda, che il Festival ha provato in tutti questi anni a sollevare una riflessione. 

In questa XI edizione, di cammini ne abbiamo intrapresi moltissimi, ma ce n’è uno speciale di cui siamo molto orgogliosi ed è quello con Oway, partener ufficiale di IT.A.CÀ che ha sposato gli intenti promossi dal Festival.

L’incontro virtuoso fra le due realtà, quest’anno ha portato una novità importante e in scia alla mondiale #trashchallenge e ai tanti progetti di attivismo ambientale, insieme è stato possibile dare un contributo concreto, organizzando in tutta Italia, camminate ecologiche e responsabili con guanti, sacchi e pinze di raccolta. Da aprile a novembre, il risultato è stato di quasi 2000 sacchi e oltre 900 kg di rifiuti messi insieme attraverso percorsi a piedi, bike tour e trekking per ripulire lungomari, litorali, bacini di fiumi, parchi, aree urbane, giardini e stradelli di accesso.

Cammino pulizia OWAY – Tappa Brescia e le sue Valli

Cammini esperienziali anche questi? Perché no. Impulso verso un attivismo turistico ecologico, unico nel suo genere che coniuga il piacere della lentezza e del sentire la natura, ad azioni pratiche e concrete, mirate a preservare la bellezza dei luoghi. Chiudiamo il nostro report 2019 con un discreto zaino sulle spalle, pieno di nuove idee, incontri, esperienze, best practices, messaggi e riflessioni importanti sul futuro del nostro turismo, che IT.A.CÀ non vede l’ora di svuotare nella prossima edizione del Festival.

Ringraziamo tutti coloro che ogni giorno con il loro lavoro e la loro passione rendono sempre più forti i principi di sostenibilità economica, ambientale e relazionale dei nostri territori locali e incoraggiano la comprensione dei principi del turismo responsabile tra viaggiatori, aziende, istituzioni e operatori turistici.

Tappa Levante Ligure

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornati sulle news di IT.A.CÀ in Italia ma anche in giro per il mondo. Grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato ai tanti eventi dal nord al sud d’Italia!

Vi aspettiamo nel 2020 con tantissime novità: non vediamo l’ora di ripartire 🙂

 •••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Report IT.A.CÀ Bologna 2019
Report IT.A.CÀ Parma 2019
Report IT.A.CÀ Brescia e le sue Valli 2019
Report IT.A.CÀ Calabria di Mezzo 2019
Report IT.A.CÀ Gran Sasso 2019

 

Blog IT.A.CÀ
Responsabile Comunicazione Nazionale 
Sonia Bregoli
 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *