Mi sono perso in Appennino | Intervista allo scrittore e camminatore Gian Luca Gasca

Cari amici viaggiatori e amiche viaggiatrici 

oggi nel nostro blog partiamo con una citazione: “È questa la bellezza dell’Appennino. Sono montagne che muoiono e risorgono ogni tanto dall’abisso. Tremano e per un attimo stanno sulla bocca di tutti per poi ricadere nel dimenticatoio dove finiscono le specificità italiane.” – cit Gian Luca Gasca.

Gian Luca Gasca

Siamo in compagnia di Gian Luca Gasca, autore del libro “Mi sono perso in Appennino”, presentato all’interno di a IT.A.CÀ Bologna, domenica 3 Giugno a Grizzana Morandi (nell’Appennino bolognese). Camminatore, reporter e scrittore di montagna nonché viaggiatore e cultore della montagna. Amante dei viaggio con lo zaino in spalla nel 2014 inizia ad organizzare una traversata delle Alpi che lo ha portato a stravolgere la sua carriera cambiando completamente lavoro.

Il libro “Mi sono perso in Appennino” nasce da un viaggio che hai intrapreso dal Colle di Cadibona ai Monti Nebrodi lungo oltre 200km. Ci parli di quell’esperienza?  

Si è trattato di un’esperienza particolare. Sono partito per questo viaggio che non conoscevo quasi le montagne appenniniche. Sono partito con tutti i pregiudizi di un alpino che ha sempre considerato queste montagne territori secondari, cime minori.

Pochi giorni dopo essere partito ho invece iniziato a cambiare idea. Mi sono dovuto ricredere scoprendo mano a mano delle alture sempre più interessanti e vive. Terre alte dalla storia antica, luoghi rimasti intonsi nella tradizione. 

È stato un viaggio quasi un viaggio di maturazione che mi ha permesso di scoprire volti della montagna che ancora non conoscevo.

Qual è la cosa che più l’ha sorpresa in questo viaggio?  

L’abbandono come la resistenza. L’Appennino è costellato di storie romantiche di storie di resistenza che si intrecciano strettamente con l’abbandono dei luoghi. C’è chi se ne va in cerca di una vita migliore e più facile, c’è chi scende a valle in cerca delle comodità della città. Ma c’è anche chi resta e lotta per far vivere quelle terre d’altura. Spesso sono singoli, oppure piccoli gruppi di cittadini, che vanno avanti con le proprie forze trovando raramente l’aiuto delle istituzioni. Sono persone con un forza di volontà incredibile perché non sempre è facile andare avanti da soli. È stato davvero sorprendente scoprire questo tra le montagne appenniniche.

Che consiglio daresti a chi si volesse apprestare a intraprendere un cammino nell’Appennino per la prima volta?  

Di lasciar perdere tutti gli stereotipi e dimenticare gli schemi mentali. Così facendo potrà godere appieno della bellezza di questi luoghi.

Con IT.A.CÀ festival vogliamo promuovere un tipo di turismo diverso, un turismo responsabile, e lo facciamo affrontandolo da diversi punti di vista. Secondo te come deve essere un turismo responsabile?  

Responsabile è sinonimo di affidabile. Credo debba essere la denominazione stessa del turismo a dare un imprinting al modo di vivere in territorio: con rispetto e coscienza. Rispetto inteso nelle sue mille sfaccettature: dal non sporcare, al non vandalizzare; dal rispetto di tradizioni, usi e costumi locali al rispetto del diverso.

Terremoto 2016 nel centro di Amatrice, Lazio.

Blog di Gian Luca  

Buon viaggio e buon Appennino amici viaggiatori e amiche viaggiatrici, ma prima di mettersi in cammino o durante leggetevi il suo libro: merita davvero 😉

Blog IT.A.CÀ
Giulia Freguglia

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *