Alta Via dei Parchi: il trekking dell’Appennino Emiliano Romagnolo

A volte le meraviglie che ci riserva la natura, si trovano a pochi chilometri da casa. Il nostro appennino è una di queste meraviglie e sempre più turisti ed escursionisti si stanno accorgendo delle vallate e dei crinali, dei boschi e dei circhi glaciali, dei laghi e dei torrenti, che si incontrano attraversandolo.

Con l’Alta via dei Parchi la Regione Emilia Romagna, ha ideato un progetto che ha come principale obiettivo quello di valorizzare questo patrimonio dell’appenninico emiliano-romagnolo e dei suoi parchi naturali, sottolineandone le caratteristiche peculiari che lo rendono potenzialmente di grande interesse per gli appassionati di montagna e di natura a livello sia nazionale che europeo.

L’Alta via dei Parchi non è altro che un itinerario trekking lungo la dorsale appenninica, che ha però il merito di collegare diverse Aree protette (due parchi nazionali, cinque parchi regionali ed uno interregionale), e che cerca di superare i limiti delle singole aree protette esistenti, spesso frammentate e di piccole dimensioni, per consentire la realizzazione di politiche di sistema in grado di valorizzare e promuovere l’intero territorio regionale. L’intento è quello di rafforzare le sinergie tra tutela dell’ambiente e promozione del territorio, sviluppando adeguate strategie che possano generare ricadute positive nella filiera turistica dei territori limitrofi al percorso.

L’itinerario, oltre all’Emilia-Romagna interessa per qualche tratto anche Toscana e Marche, ed è connesso con altri importanti itinerari appenninici, come l’Alta Via dei Monti Liguri, la Via Francigena e la Via Romea Peregrinorum.
Come questi percorsi appenninici l’Alta via dei Parchi è adatta a tutti, sia ad escursionisti esperti che a curiosi che hanno voglia di impegnarsi a camminare e a superare qualche discreto dislivello, anche per singole tappe, per provare emozioni suscitate dai vasti panorami, dalla natura selvaggia, dalle tracce storiche di antichi confini, e dal senso di avventura e scoperta.

Il percorso è lungo 500 chilometri ed è suddiviso in 27 tappe che terminano in luoghi forniti di strutture d’accoglienza (rifugi, ostelli, locande, agriturismi) dotate di elementi coordinati quali gli espositori dei materiali promozionali, la carta dell’itinerario e il timbro dell’Alta Via dei Parchi. Sono stati eseguiti vari interventi sul territorio, come il miglioramento e il restauro della sentieristica, l’installazione, la manutenzione e il restauro della segnaletica e della cartellonistica (oltre alla rimozione di quella obsoleta) e sono stati creati appositi allestimenti informativi
nei punti di sosta e di accesso dell’intero itinerario.

La regione Emilia Romagna, con il progetto “Alta Via dei Parchi”, ha inoltre realizzato alcuni prodotti editoriali per l’escursionista tra cui il volume “Alta Via dei Parchi. Un lungo cammino nell’Appennino settentrionale”, un cofanetto che racchiude 8 carte escursionistiche, un depliant e un taccuino.
Oltre alla Regione ed agli otto parchi, ha contribuito alla realizzazione del progetto il Club Alpino Italiano (CAI).

Il 23 ottobre è stato presentato a Bologna in anteprima al Cinema Lumière, il film documentario “Alta Via dei Parchi. Viaggio a piedi in Emilia-Romagna”, realizzato da Enrico Brizzi e Serena Tommasini Degnache, che racconta il trekking dello scrittore lungo questo itinerario.

Sono venuta a conoscenza di questo progetto da poco, perdendomi tutte le iniziative che si sono svolte durante la passata estate e che hanno coinvolto la popolazione locale e i visitatori, con un calendario che ha offerto passeggiate, trekking, escursioni, concerti ed eventi culturali.
Per recuperare il tempo perduto mi sto però già organizzando per partire e per vivere la mia prossima avventura.

Blog IT.A.CÀ
Alice Morotti (Nexus  E-R)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ASSOCIAZIONE YODA
Via Pietralata 73, 40122 – Bologna (BO)
info@gruppoyoda.orgwww.gruppoyoda.org
C.F. 91161380372 – P. IVA 03267091209

Privacy Policy

Prodotto originale frutto delle menti felici e creative di Happy Minds Agency