SIAMO TUTTI PEDONI – la campagna di sensibilizzazione per la stragi in strada

…la strada è vita
J. Kerouac – On the road

Per questa edizione 2016 anche noi di IT.A.CÀ siamo partner della campagna di sensibilizzazione contro le stragi di pedoni sulle strade italiane: un tema molto delicato e poco discusso!

Siamo tutti pedoni vuole richiamare l’attenzione sulle tragedie che coinvolgono il più debole utente della strada per far crescere la consapevolezza che questa strage può essere evitata. Facendo rispettare le regole, educando ad una nuova cultura della strada, rendendo più sicure le strade, attuando un’azione repressiva più in19b2674528b4d5fa396dcc8c20062871_xlcisiva, suscitando un protagonismo diffuso a favore di questa impresa civile.

La campagna vuole anche sottolineare il valore del camminare non solo per la mobilità ma anche per la salute e l’ambiente.

Vuole sensibilizzare al rispetto del diritto alla mobilità di portatori di handicap, anziani, genitori con passeggino evitando il parcheggio selvaggio e l’occupazione degli spazi riservati.

Nelle città italiane si registra il 43% delle vittime della strada, contro una media europea del 34%. Il 42% dei morti in città è un pedone o un ciclista. 7.000 morti e oltre 200.000 feriti in dieci anni: sono i dati impietosi sulle tragedie che coinvolgono i pedoni. Numeri impressionanti, resi ancora più drammatici dalle invalidità permanenti riportate dalle vittime della strada. Questa immagine terribile si fa ancora più nitida se si pensa che il 30% dei pedoni perde la vita mentre attraversa sulle strisce e oltre il 50% delle vittime ha più di 65 anni. Una media di quasi due morti e trenta feriti al giorno, una strage sostanzialmente rimossa dalla coscienza collettiva.

vittime-citta

Molto preoccupante è anche il fatto che mentre le vittime della strada sono calate di quasi il 50% negli ultimi 10 anni, l’andamento per quanto riguarda i pedoni non è altrettanto favorevole. Per quanto riguarda i feriti il dato è ancora più allarmante: mentre il numero di feriti per incidente stradale si è ridotto di quasi il 30% dal 2001 al 2012, i pedoni feriti sono rimasti sostanzialmente invariati.

manifesto-stp-16

Per questo torna la campagna “Siamo tutti pedoni”. Per accrescere la sensibilità sociale ai problemi di chi si muove a piedi e per fornire alcune proposte su come fermare questa strage.

Gli interventi suggeriti dalla campagna spaziano da un’estensione delle zone 30, in cui il limite di velocità è limitato a 30km/h in modo da consentire la coesistenza in sicurezza di auto e pedoni, alla diffusione delle aree pedonali, alla manutenzione dei marciapiedi e delle strisce pedonali.

“Ma prima di tutto a cambiare deve essere la cultura di chi guida – ricorda il Centro Antartide, associazione promotrice dell’iniziativa – basti pensare che il 30% dei pedoni uccisi viene falciato mentre attraversa sulle strisce pedonali”.

La sfida decisiva si gioca quindi sul terreno dell’informazione e della sensiblizzazione. Per questo la campagna pervede la trasmissione di un spot radio e video realizzato appositamente da Piero Angela e la diffusione di un manifesto e di un libretto con tanti consigli utili per camminare in sicurezza e per guidare rispettando i pedoni.

Qui potete scaricare il libretto della campagna 2016 > Siamo Tutti Pedoni 2016
Trovate tutte le info sul sito della campagna > www.siamotuttipedoni.it

2882c59a3767616713b057123677231b

Quindi speriamo che questa questione cambi e che sia sempre più sicuro per noi pedoni e ciclisti lungo le strade cittadine e non solo!

Blog IT.A.CA
Sonia Bregoli

io 3

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *